LOGIN


image

Sostenibilità

Home | Sostenibilità

Cosa sono gli pneumatici fuori uso (PFU)?

I PFU sono pneumatici che hanno raggiunto la fine del ciclo di vita del prodotto. Si tratta di pneumatici usurati, con crepe o scoppiati che non possono essere ricostruiti e non sono più idonei per lo scopo per cui sono stati realizzati. La gestione dei PFU è un argomento di importanza seria in linea con il nostro focus sulla sostenibilità. Recuperare i PFU comporta una diminuzione dei rifiuti. Inoltre, rappresenta una risorsa di valore per carburante o altri materiali. Come produttore di pneumatici scrupoloso, desideriamo fornirvi alcune linee guida relative alla movimentazione, al deposito, al riciclo e al recupero di PFU.

Come movimentare e immagazzinare i PFU?

Depositare gli pneumatici fuori uso in un luogo che sia protetto contro la pioggia, in quanto l’accumulo di acqua piovana comporterebbe la riproduzione di zanzare all’interno dello pneumatico.

Analogamente, gli pneumatici fuori uso non devono essere stoccati in paludi, pianure alluvionali, vicino a burroni o su qualsiasi altra superficie con pendio ripido.

Bruciare gli pneumatici all’aria aperta o in modo incontrollato in qualsiasi luogo danneggia l’ambiente ed è quindi vietato da molte legislazioni.

I parafulmini devono essere posizionati a distanza sicura dalle pile di pneumatici.

Si devono prendere adeguate precauzioni contro l’incendio intenzionale o accidentale delle pile di pneumatici nell’area di stoccaggio.

Installare un numero adeguato di dispositivi antincendio. Inoltre, si possono utilizzare sabbia e terra per coprire gli pneumatici incendiati; mentre l’acqua può essere utilizzata per inumidire gli pneumatici non incendiati al fine di prevenire un eventuale incendio.

Si raccomanda la predisposizione di un’adeguata zona tampone nell’area di stoccaggio al fine di isolare ogni incendio intenzionale o accidentale.

Prevedere una via d’accesso per veicoli d’emergenza in ogni area di stoccaggio pneumatici e tra le pile di pneumatici.

Composizione di uno pneumatico fuori uso

Ogni pneumatico è composto da diversi materiali a seconda della tipologia specifica dello stesso; essi includono:

46–48% gomma

25–28% carbon black

10–12% acciaio

10–12% oli e agenti vulcanizzanti

3–6% fili e tessuti sintetici

Ciclo di vita dello pneumatico

Recupero e riciclaggio di PFU

Quando uno pneumatico raggiunge lo stato di PFU, è necessario implementare un appropriato sistema di gestione dei rifiuti. È importante che il recupero e/o lo smaltimento finale avvengano in modo ecologicamente corretto. I PFU possono essere demoliti in modo ecologico utilizzando i materiali ricavati per altri scopi.

Generalmente, un PFU può essere suddiviso in tre classi di prodotto:
granuli di gomma
inserto in acciaio
inserti di filo e tessuti sintetici

Riciclaggio attraverso la trasformazione di pneumatici di scarto in polvere di gomma

Processo di riciclo - pirolisi

Negli impianti speciali di pirolisi, i PFU vengono principalmente separati in carbon black (nero di carbone), idrocarburi e acciaio mediante decomposizione termica e chimica. I componenti possono successivamente essere riutilizzati o riciclati.

Per quali scopi si possono utilizzare gli pneumatici fuori uso?

I PFU possono rappresentare una risorsa di carburante a basso costo se ubicati nelle vicinanze di consumatori di carburante di dimensioni grandi quali ad esempio una centrale di energia o un cementificio. Possono anche essere prontamente processati per una serie di diversi progetti di costruzione.